“AMEDEO PROBO” UN CANTAUTORE DI ALTRI TEMPI…

È appena entrato nella famiglia di Grandemusica, ed è pronto a sbarcare su nuove esperienze con un ruolo di selettore new talent. Stiamo parlando di un artista di spessore dalla personalità forte, dallo stile elegante e naturale. Il tutto racchiuso in un unico nome: Amedeo Probo.

Cantautore e musicista, che ha aperto porte su paesaggi di vita reale, escludendo l’utilità di una penna stanca per descrivere l’ormai ripetuto tema dell’amore. Una storia dietro l’altra sempre con contorni musicali dall’inaspettata bellezza e curiosità, intrecci poetici e scale armoniche da deliziare a tal punto che in più di un’occasione si è distinto in manifestazioni e festival.

Probo è un’altra persona, un artista di altri tempi, nascosto in un silenzioso passo, solcando un cammino fatto delle sue calme e sagge abitudini, un  bagaglio culturale non indifferente ed un amore incondizionato per la natura, musa ispiratrice delle sue bellissime opere.

Ha iniziato a suonare la chitarra a 14 anni come autodidatta, a 16 studia canto con un’insegnante lirica Margherita Amato, a 18 prende forma un nuovo percorso con la chitarra classica da un noto maestro della provincia di Salerno. Ha studiato canto con Gaspare Di Lauro, quasi contemporaneamente ha iniziato ad approfondire le tecniche finger piching.

Secondo posto alle selezioni di Castrocaro con un altro grande autore e musicista Cosimo Pepe, presentandosi con la canzone “Eri tu”, una storia vera che ha investito in pieno Amedeo, portandolo al punto di una forte sofferenza interiore, e quindi a disegnare uno dei quadri più belli secondo la nostra direzione.

Tra le altre canzoni più belle in assoluto sorgono: Anna, Libero, Semplice, Ragazzo nord africano, E’ mattina.

Oggi Amedeo continua a scrive e suonare, camminando in quel giardino fatto di calma ed estrema saggezza, ma per il momento restano anonime le sue nuove impronte, nella speranza di poterlo convincere a dichiarare le sue nuove sensazioni ed espressioni.

Secondo Grandemusica, Amedeo Probo resta uno degli artisti di spicco della nostra bella Italia, che per sfortuna o per volere, ad oggi non ha avuto la possibilità di deliziare l’udito dei grandi della musica italiana.

“JANA MANIRA” UNA PROFESSIONISTA DAL GRANDE CUORE…

E’ realmente difficile ai giorni nostri, trovare artisti di spessore che riescono a dar vita nel loro percorso professionale, ad una espressione polivalente senza alcun interesse.

Jana Manira è un’attrice, è una produttrice cinematografica che porta le sue famigerate impronte di grande artista nella provincia di Salerno, precisamente nella città di Bellizzi, ma prima di continuare, e scoprire a cosa sta lavorando, andiamo a conoscere chi è realmente questa grande figura.

Oltre ad essere stata modella, coordinatrice, attrice, e produttrice, Jana è un emblema della sensibilità, che come un tagliente gladio, lascia un segno ad ogni sua presenza nei palchi più importanti del suo percorso, dimostrandosi senza alcun vanto una delle donne dello spettacolo più vicine alle problematiche e alla crescita di giovani, sia sotto l’aspetto umano che professionale, infatti ai microfoni di Grandemusica, dichiara apertamente quanto è importante per lei essere una sostenitrice della trasparenza, della lealtà e della correttezza.

Donna di molteplici pregi, altissimo senso del rispetto, oltre ad essere una figura poliedrica sotto l’aspetto professionale, riesce a decorare e dar il giusto tono alla sua vita e quella degli altri, infatti in passato fino ad arrivare ai giorni nostri, Jana Manira non ha mai smesso di tendere la mano a chi si trovasse fuori pista o ingannato da facili promesse di un successo che non sarebbe mai arrivato.

E’ stata cooprotagonista nel film “Forse … si lo voglio! ” di Antonella Grassia, “Le ragazze del centro commerciale”, “Un amore rubato” dove la vede produttrice e attrice protagonista, “La seconda guerra mondiale”, “Passo d’ addio” con la produzione di Rossella Napoletano e della stessa  Jana, diretto da Marco Renda e gli attori protagonisti Francesco De Rienzo e la piccola attrice Giorgia Tranquillo. Attualmente sta lavorando ad un casting di in un  altro film che sarà girato nella città di Bellizzi e del quale a breve si saprà il titolo.

Collaboratrice della Dance Academy di Bellizzi, insieme a Rossella Napoletano e maestri di musica e canto di un determinato spessore, Jana, con i suoi collaboratori, hanno dato forma ad una grande realtà che abbraccia l’arte a 360°.

ARIENZO “IL COMICO-DRAMMATICO DESTINATO ALLA SEDIA DEI GRANDI ATTORI ITALIANI”

Lo Staff di Grandemusica.it mette piede a Casalnuovo di Napoli, cercando di trovare uno spiraglio per intervistare Francesco Arienzo. Il contatto è stato praticamente facile da recuperare, grazie alla massima disponibilità dello stesso Francesco, che senza alcun problema ci ha aperto le porte e ha dato a noi di GM questo piacere estremo di intervistarlo.

In questo articolo Fausto Palma responsabile del sito ha deciso di portare a galla la naturale espressione di un personaggio mai visto prima, che lui stesso (Fausto Palma) definisce semplicemente “Sono così”.

Francesco Arienzo un contrasto di espressioni curiose, in un vortice di mille emozioni, diversificate dalla semplicità di una inespressa normalità contrastata dall’essere, praticamente una figura dominante anepigrafa che attende di essere Storia nell’anfiteatro dei grandi. Durante l’intervista la giornalista di GM chiede a Francesco: Chi è Massimo Troisi? La risposta fulminea è stata: Sarebbe troppo riduttivo parlare di Troisi in una intervista, esaltando doverosamente il colosso del grande attore scomparso nel 1994.

Un maestro di umiltà, che valorizza tutto ciò che gli è intorno, disciplinato da una elegante ironia che lo rende unico ed irripetibile in ogni sua battuta, determinato senza alcun confronto o paragone, vivendo solo di quello che sono le sue esperienze, trasformandole in incantevoli e curiose storie di puro sorriso e divertimento, espellendo a priori anche le piccole volgarità verbali.

Parla di Frank come un grande amico, che gli ha dato modo di cambiare praticamente la sua vita artistica, credendo nelle verità nascoste di un ragazzo semplice e forse particolare.

GM ricorda che il 10 e 11 febbraio  2018 sarà al Teatro Ridotto di Salerno.

LA STORIA DELLA CANZONE A MONTORO

 

12 settembre 2017 ore 22.00, in una piazza di Piano a Montoro (SA), mette piede il colosso italiano, la storia indiscussa della canzone, la verità sulla grande musica espressa ai limiti di ogni immaginazione positiva.

I Cugini di Campagna trasportati da un uragano di nome Ivano firmano un’altra piazza italiana con la loro dilagante semplicità e serenità, regalando al pubblico di Montoro una serata indimenticabile.

Parte una serata fatta di molteplici varianti, un vero è proprio spettacolo di storia, fusa con una poliedrica qualità di espressioni portate alla sorgente dei più grandi miti come Totò e Frank Sinatra, infatti in molti non sono a conoscenza che “Anima mia” è stata interpretata da ben 57 artisti diversi, tra questi il grande “THE VOICE” (Frank Sinatra) che all’epoca senza alcuno sforzo si è posizionato tra le 5 canzoni più ascoltate degli States.

Andiamo oltre, Ivano nella serata spiega al pubblico di avere avuto l’onore di interpretare “Malafemmena” di Totò, secondo i canoni musicali dei Cugini di Campagna, che al momento dell’esibizione, hanno lasciato a bocca aperta un pubblico ormai esterrefatto e ingordo delle fantastiche note, scale armoniche e vibrati dalla pelle d’oca.

Indescrivibili sensazioni, e una umiltà da vendere, Daniel, Tiziano, Silvano e Ivano, sono l’indiscutibile emblema della serenità, trasparenza e dello splendore, un vero sole che sa scaldare i cuori anche in un tempo uggioso come la sera della loro esibizione a Montoro.